COMUNICATO DEL 24 GENNAIO 2018. DALLE PAROLE AI FATTI: RIPRISTINARE SUBITO LE RISORSE PER LA BIBLIOTECA DEL CNR


Nell’incontro del 12 gennaio scorso, il Presidente del CNR aveva tra le altre cose rassicurato circa la volontà di reintegrare i tagli fatti nel bilancio di previsione del CNR alle risorse della Biblioteca Centrale, che mettono in serio pericolo la possibilità di rinnovare gli abbonamenti centralizzati alle riviste scientifiche, libri, database e altre risorse indispensabili all’attività di ricerca.

Il Comitato di Coordinamento per la Gestione delle Biblioteche del CNR aveva infatti già inviato una nota nella quale si sottolineava, tra l’altro, che a seguito dei tagli inseriti nel Bilancio di Previsione del CNR: “verranno … a mancare risorse bibliografiche indispensabili per l’attività di ricerca degli Istituti, sulle cui pubblicazioni gli stessi vengono valutati e competono a livello internazionale. Senza i necessari strumenti per accedere alla letteratura scientifica, lo scenario che si prospetta per il più importante Ente di ricerca del nostro Paese è davvero preoccupante”, e chiedeva di fare tutto il possibile per scongiurare l’interruzione dei contratti in essere.

Oggi in molti Istituti del CNR è circolata la notizia che a causa dei pesanti tagli finanziari operati nei confronti della Biblioteca sede Centrale, per il 2018 non sarà possibile rinnovare tutte le acquisizioni centralizzate di materiale bibliografico online per la rete scientifica CNR. Si parla, come ricorda una Lettera aperta inviata dalla Commissione Biblioteca dell’Area di Ricerca di Bologna, di tagli pari al 50% delle acquisizioni centralizzate di materiale bibliografico per la rete scientifica del CNR, con un danno del tutto evidente alla possibilità di lavoro di tutti i R&T.

L’ANPRI chiede con forza che vengano immediatamente assicurate le risorse per il rinnovo degli abbonamenti come indicato nella nota del Comitato di Coordinamento per la Gestione delle Biblioteche del CNR, e come esplicitamente promesso dal Presidente del CNR.

In assenza delle risorse suddette i R&T dovranno necessariamente tutelarsi da eventuali richieste dell’Ente collegate alla valutazione della qualità del lavoro svolto: non si può fare ricerca di qualità senza avere la possibilità di leggere ciò che viene prodotto dalla comunità scientifica a livello nazionale e internazionale.

.

ANPRI CNR

.

.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*