Comunicato INFN 4 dicembre 2017 1


Eppur si muove: piccoli passi dell’INFN per le carriere del personale tecnico ed amministrativo e le stabilizzazioni dei Ricercatori e Tecnologi.

 

Lo scorso 29 novembre si è tenuta una manifestazione presso la sede della Presidenza INFN in Piazza dei Caprettari a Roma in concomitanza con il consiglio direttivo dell’INFN.

L’ANPRI, tra i promotori della manifestazione, conferma le motivazioni della stessa ed apprezza la disponibilità della dirigenza dell’ente nel ricevere le delegazioni dei lavoratori presenti. Le risultanze del confronto espresse nel verbale di intesa allegato si muovono nella direzione della posizione che l’ANPRI ha espresso nel comunicato del 17 novembre:

http://www.anpri.it/comunicato-anpri-fgu-infn-17-11-2017-luce-verde-sul-salario-accessorio-nessuna-stabilizzazione-ricercatori-tecnologi/

Si apprezza in particolare il passo avanti relativo alla previsione di 200 posizioni nel prossimo piano triennale per gli avanzamenti di carriera del personale IV-VIII (art.54 del CCNL 1998-2001). Al contempo si ritiene ancora del tutto insufficienti le aperture relative alle procedure di stabilizzazione del personale Ricercatore e Tecnologo per i quali sembrano aprirsi interessanti spiragli nella legge di bilancio in approvazione in Parlamento.

L’ANPRI non ha sottoscritto il verbale di intesa suddetto non avendo partecipato alla sua definizione ma si impegna a riaprire al più presto il confronto con l’ente in particolare sulle stabilizzazioni del personale Ricercatore e Tecnologo.

.

La delegazione ANPRI-FGU INFN

.

Allegati:

.

.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Un commento su “Comunicato INFN 4 dicembre 2017

  • John

    Visto il totale silenzio nel confronto del precariato della ricerca direi invece che non ci siamo proprio. Non so chi si possa prendere la responsabilità di tale immobilismo. ISTAT, CNR, etc stanno sfruttando le poche opportunità a disposizione. L’INAF è in agitazione. Qui invece per i ricercatori precari tutto tace mentre, a quanto leggo, si riempe l’ente di amministrativi.
    E non mi dite che non vi sono meritevoli e che non si possa già redigere una graduatoria.