Resoconto della riunione con la Presidenza SZN del 29 giugno 2016


 

Oggi si è svolta la riunione con il Presidente della SZN, Prof. Roberto Danovaro, convocata il 23 giugno 2016, con il seguente ordine del giorno:

– Orario di lavoro

– Programmazione chiusura Ente

– Fondo Oneri Sociali 2016

– Varie ed Eventuali

 

ORARIO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE CHIUSURA ENTE

A valle della riunione del personale convocata dalla RSU in data 20 giugno 2016, l’ANPRI aveva avanzato al Presidente, in data 22 giugno 2016, le seguenti richieste di modifica:

1) Spostare, prima del comma 6 dell’art. 1 il periodo “Nel caso in cui il dipendente non sia, per tutta la giornata lavorativa, in possesso del badge dovrà ritirare quello sostitutivo presso l’Ufficio Risorse Umane. Le comunicazioni dovranno essere inviate tramite email all’indirizzo comunicazione.assenze@szn.it)” riportato dopo il comma 7, in quanto ci sembra non corretta l’attuale posizione.
2) Comma 8, art. 1. Si chiede di dare ai dipendenti tutti un congruo preavviso sui periodi di chiusura dell’Ente e di non prefigurare, in questo accordo, i probabili periodi di chiusura. Pertanto, si chiede di modificare il suddetto comma come segue: “Fermo restando quanto stabilito dalle disposizioni di legge vigenti in tema di fruizione delle ferie, per le modalità applicative e la comunicazione degli eventuali periodi di chiusura dell’Ente saranno emanate apposite circolari con un preavviso di almeno 4 mesi e, in ogni caso, non oltre il 28 febbraio di ciascun anno”.
3) Comma 2 dell’art. 3. È opportuno chiarire che, se l’orario di lavoro è compreso tra le 6 ore e le 6 ore e 30 minuti, sono detratti automaticamente solo i minuti eccedenti le 6 ore. Pertanto, si chiede di inserire, dopo le parole ”30 minuti complessivi.” le seguenti parole: ”Diversamente, sono detratti automaticamente solo i minuti eccedenti le 6 ore”.
4) Art. 5. Si chiede di garantire il buono pasto giornaliero ai Ricercatori e Tecnologi che, nello svolgimento dell’attività fuori sede, sono impossibilitati ad usufruire della mensa, pur svolgendo un orario di lavoro di almeno 6 ore e 30 minuti. Pertanto, si chiede di inserire, dopo il comma 3, il seguente comma 3bis): “Ai Ricercatori e Tecnologi che, nello svolgimento dell’attività fuori sede, sono impossibilitati ad usufruire della mensa è assicurato un buono pasto giornaliero qualora l’orario di lavoro giornaliero complessivo (comprensivo anche di eventuale attività svolta in sede) sia uguale o superiore alle 6 ore e 30 minuti”.
5)  Comma 3, art. 6. Dato che il presente Regolamento entrerà in vigore nella seconda metà dell’anno in corso, si chiede di posticipare di sei mesi circa il momento della verifica del regolamento stesso. Pertanto, si chiede di modificare il suddetto comma come segue: “Le parti si impegnano entro un anno dall’entrata in vigore del presente regolamento a verificarne la funzionalità ed efficacia”.

Le proposte dell’ANPRI n. 1, 3 e 5 , dopo breve illustrazione delle rispettive motivazioni, sono state accolte.

Per quanto riguarda la proposta n. 2) il Presidente ha assicurato che, considerato lo scarso preavviso dato alla chiusura di agosto 2016, per il 2016 saranno ammesse motivate eccezioni alla fruizione obbligata delle ferie, tenendo presente sia i motivi personali che quelli di servizio. Si precisa che, ai sensi dell’art. 5, comma 2, dell’Orario di lavoro, i Ricercatori e Tecnologi potranno per motivi di lavoro, come già succede, ad esempio, nei weekend, accedere all’Istituto nei giorni di chiusura programmata, rispettando la corrente modalità di registrazione dell’orario di lavoro e coscienti del fatto che molti servizi non saranno assicurati (tra cui l’aria condizionata, la segreteria, etc.). Per gli anni a seguire, sarà data adeguata comunicazione al personale, sia dalla Direzione che dalla Presidenza, dei giorni di chiusura dell’Ente con congruo anticipo. Ciò per favorire la programmazione delle ferie da parte dei singoli dipendenti.

In merito al punto 4), la Presidenza ha esposto le difficoltà pratiche di accettare sin da ora la proposta dell’ANPRI ma ha assicurato che la prenderà in considerazione.

FONDO ONERI SOCIALI 2016

In data 13 giugno l’ANPRI aveva comunicato al Presidente di concordare con la ripartizione del fondo Oneri Sociali proposta dall’RSU come segue:
Sussidi 22.000
Prestiti 200
Borse di Studio 5.200
Contributi a favore di attività culturali 39.696,14 di cui Contributo scuola 13.000

Cordiali saluti
Raffaella Casotti e Gianpaolo Pulcini

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*