I R&T della Stazione Zoologica possono appendere il cartellino al chiodo! 2


Accogliendo le tesi dell’ANPRI sull’illegittimità dell’accertamento dell’orario di lavoro dei R&T mediante controlli di tipo automatico (leggasi cartellino), nel rispetto del vigente art. 58 del CCNL del 21/2/2002, e come ribadito dalla Magistratura in due gradi di giudizio presso il Tribunale Ordinario e la Corte d’Appello di Bologna (come da Comunicato del 24 marzo 2016), i R&T della Stazione Zoologica “Anton Dohrn” di Napoli che hanno aderito all’iniziativa (su base volontaria) dell’Amministrazione dell’Ente hanno appeso, a partire dal 17 luglio, il loro cartellino al chiodo e stanno utilizzando un semplice foglio Excel per indicare, in ottemperanza alla normativa vigente, il totale delle ore lavorate per ogni giorno del mese e l’attività cui si sono dedicati.

Finalmente viene così riconosciuta la peculiarità del lavoro dei R&T, ai quali il Contratto vigente riconosce l’autonoma determinazione del proprio tempo di lavoro. Questo è un piccolo ma significativo passo verso la “liberazione” della ricerca da vincoli burocratici e obsoleti che ne ostacolano l’attività e che conferiscono maggiore responsabilità e autonomia decisionale ai propri attori, nella sempre maggiore consapevolezza della propria professionalità.

L’ANPRI, nel riconoscere grande sensibilità al Presidente della SZN, Prof. Roberto Danovaro, seguirà con attenzione l’iniziativa della Stazione Zoologica, augurandosi che questo esempio sia seguito dagli altri EPR.

.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

2 commenti su “I R&T della Stazione Zoologica possono appendere il cartellino al chiodo!

  • Tommaso B.

    Sarebbe forse il caso di porre il tema dell’orario di lavoro dei ricercatori e tecnologi sul tavolo del prossimo contratto. L’idea di “misurare” il lavoro di ricerca mediante il cartellino o, in forma soft, mediante autocertificazione e’ (solo) uno degli elementi che umiliano i ricercatori italiani in confronto ai colleghi europei. Peraltro abolendo del tutto questo obbligo surreale e, ad esempio, dando in busta paga ai ricercatori e tecnologi il corrispettivo dei buoni pasto permetterebbe di aumentare (sia pur di poco) lo stipendio, ridicolmente basso in confronto agli altri paesi, a costo nullo!

  • Gianpaolo Pulcini

    Condivido appieno le considerazioni di Tommaso. Una delle storiche battaglie dell’ANPRI è stata il superamento dell’orario di lavoro per i R&T e l’introduzione di un “impegno di lavoro” forfettario annuo, pari ad esempio a 1500 ore annue utili al fine della rendicontazione di progetti europei.
    E’ opportuno sottolineare che la autocertificazione in vigore alla SZN non è una mera sostituzione del cartellino in quanto, in applicazione del Contratto Nazionale e della sentenza della Corte di Appello di Bologna, nell’autocertificazione i R&T non dovranno indicare l’orario di inizio e fine lavoro ma solo il numero totale di ore giornaliere.