Dopo due anni di commissariamento, la riorganizzazione del CREA deve ancora essere completata

Tarda ad arrivare, per motivi non noti, la firma del ministro Martina sul decreto di approvazione di statuto, piano di ristrutturazione e piano triennale di attività del CREA.

La mancata approvazione dello Statuto non ha consentito di approvare per tempo il bilancio 2017. L’Ente, pertanto, inizierà il nuovo anno senza un bilancio approvato e con la riorganizzazione ancora incompleta. Inoltre, il mandato del commissario straordinario, Salvatore Parlato, già prorogato di un anno, è in scadenza e il CREA rischia un vuoto di potere: quanto ci vorrà prima che vengano nominati il presidente (lo stesso Parlato?) e gli altri quattro consiglieri di amministrazione?

.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento